2016.07.15 – Festa d’estate – “Sogno di una notte di mezza estate …” di Mary Leoni

Pubblicato il 17 luglio 2016 da admin

Mary Leoni

Mary Leoni

Torce lungo il viale alberato e la scenografica scalinata che conduce ad una suntuosa villa, il salone da ballo con la volta affrescata vestito a festa, bouquet di fiori gialli e viola in deliziose e raffinate combinazioni, come piccoli gioielli ad ingentilire candelabri d’argento nei centritavola, e gli stendardi in fondo alla sala d’onore, posti in bella vista a dare il benvenuto agli ospiti: si apre così lo scenario incantato di Villa Bonaparte, splendida location della Festa dell’estate, il primo e riuscitissimo evento organizzato dal Rotary di Fermo, sotto la presidenza del Notaio Alfonso Rossi, in associazione con il Rotary di Porto San Giorgio e con il Lions club di Fermo-Porto San Giorgio.

Nonostante l’inclemenza del clima ed il ricordo dei recenti tragici eventi della Puglia e di Nizza che hanno funestato l’estate, a cui è stato conferito il giusto tributo con la Marsigliese ed un doveroso minuto di silenzio, la serata si è rivelata un vero successo. Ricca la lista delle sorprese che si sono aperte con il resoconto dettagliato e puntuale della storia della villa, magistralmente presentata dal Professor Stefano Papetti, che ha ricordato agli ospiti  le vicende di Girolamo Bonaparte e di sua moglie Caterina, costruttori ed abitatori della splendida dimora dal 1826 al 1829. La suntuosa costruzione doveva essere una vera sede reale nell’intenzione dei suoi proprietari, che incaricarono l’architetto Ireneo Aleandri di progettarla in stile neoclassico e con ampi saloni di ricevimento per dare lustro alla loro casata, nella speranza di tornare agli antichi fasti dei tempi del regno di Vestfalia. Di seguito è stata la volta degli inni, tra i quali quello francese, in onore alle vittime della strage di Nizza, e dei saluti effettuati dai presidenti dei tre club e dai sindaci presenti, Alessio Terrenzi e Nicola Loira. L’aria di “La ci darem la mano”, interpretata dalle splendide voci degli allievi di Stefania Donzelli del Conservatorio, ha risuonato subito dopo nel salone di ricevimento, riscaldando i cuori degli astanti ed illuminando di magia una serata già di grande effetto. Il brindisi ha dato inizio all’aperitivo ed è stato parimenti accompagnato dal brano “Libiam ne’ lieti calici”, tratto dalla Traviata, magistralmente eseguito dalle voci intense dei cantanti già citati. Ricchissimo e di grande qualità il buffet degli antipasti con cui si è aperta la cena di pesce (servita al tavolo per il resto delle portate) organizzata dal Top catering del socio Gianni Lamponi, cui è seguita la vera e propria festa da ballo. Un’orchestra di tutto rispetto, il gruppo formato A7, ha infatti atteso gli ospiti nel salone estivo inferiore dell’abitato, dove si sono protratte fino a tarda notte le danze, cui la maggior parte dei  presenti ha partecipato attivamente. Insomma una serata da ricordare nella quale nulla è stato lasciato al caso, compreso l’omaggio floreale alle donne presenti, un fiore per esaltare altri fiori. Una festa, quella organizzata, dai colori intensi che lascia assaporare, nel ricordo, il gusto dell’estate nascente in una notte di magiche atmosfere…

Mary Leoni

 

I commenti sono disabilitati.