2016.06.19 – “Mini-pacemaker impiantato all’Ospedale di Verona” di Alessandra Pompei

Pubblicato il 20 giugno 2016 da admin

Alessandra Pompei

Alessandra Pompei

Il regolatore di battiti cardiaci più piccolo al mondo, più o meno grande un decimo di quello convenzionale,  è stato impiantato in un paziente nell’Unità di cardiologia dell’Ospedale di Borgo Trento, a Verona.

Si tratta infatti di una sorta di “capsula” che viene contenuta interamente nel cuore e pesa solamente due grammi, misura circa due centimetri e può durare dai 7 ai 14 anni.

Lo strumento, come spiegano gli esperti, viene impiantato direttamente nella cavità cardiaca passando attraverso la vena femorale senza prevedere l’impianto di elettrodi di stimolazione a distanza.

In pratica il pacemaker si ancora all’interno del cuore con piccoli ganci e quindi regolarizza il battito.

 La principale novità, oltre alle dimensioni del device, sta nel fatto che non è più necessario creare la tasca sottocutanea in cui alloggiare il pacemaker e soprattutto collegare questa con il cuore attraverso un filo.

L’intera sistema di controllo dei battiti cardiaci è infatti all’interno di quella che viene definita da Giovanni Morani, responsabile del team di elettrofisiologia e Cardiostimolazione, “cardiocapsula”. “Si elimina così il rischio di potenziali complicanze legate alla procedura tradizionale rendendo l’impianto di fatto invisibile vista l’assenza di cicatrici”, commenta l’esperto.

Alessandra Pompei

I commenti sono disabilitati.