Categoria | In Rilievo

2013.10.24 – “Ignazio Breccia Fratadocchi, il “Professionista” Rotariano ci ha lasciato” di Paolo Appoggetti

Pubblicato il 25 ottobre 2013 da admin

Paolo Appoggetti

Paolo Appoggetti

 

Il 20 settembre, a Roma, si sono svolti i funerali di Ignazio Breccia Fratadocchi nella chiesa di Dio Padre Misericordioso a Tor Tre Teste:  la chiesa progettata dal grande architetto americano Richard Meyer e fiore all’occhiello realizzativo di Ignazio : l’Ingegnere  con lo spirito dell’Architetto, vero “Professionista” nel Rotary.

E’ uscito sommessamente dalla vita ormai 86enne, con discrezione e silenzio analogamente a come era uscito dal Club di Fermo alcuni mesi fa costretto  dalla saluteormai compromessa.

Ignazio, insieme alla constatazione amara che la macchina del tempo e della vita procede inesorabile, ci riporta anche ricordi ineguagliabili delle sue aperture sul mondo altamente professionale che lo ha visto protagonista in oltre 60 anni di carriera con realizzazioni emblematiche del suo modo di vivere “rotarianamente” la professione .

I valori su cui poggiava fermamente il suo essere  rotariano erano: la trasparenza, la coerenza ai principi e valori etici più elevati,il rispetto delle competenze, il mantenimento assoluto degli impegni, la visione avanzata del futuro coniugata alla salvaguardia delle tradizioni eccellenti.

Ne sono testimonianza:

– la ricostruzione fedele dell’Abbazia di Montecassino, distrutta nel 1944, di cui prese il testimone dal padre Giuseppe, uno dei più alti esponenti dell’Ingegneria Italiana;

– le numerose chiese realizzate sia a Roma che in altre località italiane ( Cassino e dintorni, Porto Sant’Elpidio etc.) per le quali Ignazio era supporto e riferimento fondamentale della Diocesi di Roma e della CEI: memorabili le sue battaglie vittoriose per la scelta delle soluzioni progettuali meritevoli;

– l’adeguamento funzionale progressivo nei decenni e il recupero estetico dell’Ospedale Murri a Fermo: risultato notevole sia sotto l’aspetto estetico che funzionale grazie in particolare alla specializzazione di Ignazio sulla edilizia ospedaliera raggiunta con studi, visite ed approfondimenti delle soluzioni più avanzate in Europa e nel mondo;

– la realizzazione di svariati complessi di edilizia civile in Campania e nelle Marche.

            Ma il culmine professionale raggiunto da Ignazio è rappresentato dalla chiesa progettata da Richard   Meyer, che lo  ha visto operare per lunghi anni al fianco del grande architetto statunitense, dalla prima fase del concorso internazionale del 1996 fino alla inaugurazione del 2003, per la realizzazione di un’opera  che resterà nella storia dell’architettura come esempio di razionalità  progettuale,innovazione nei materiali impiegati e nei metodi costruttivi utilizzati.

            Visitai più volte il cantiere nelle varie fasi costruttive dell’opera e sempre, Ignazio, maestro entusiasta, ti faceva entrare nei più reconditi aspetti realizzativi del complesso: questo puntualmente con ciascuno delle migliaia di  specialisti  venuti da tutto il mondo a vedere l’opera di Meyer.

            Questo era il Professionista Ignazio Breccia Fratadocchi, rotariano fin dal 1972, con uno stile sempre cordiale e riservato sui suoi successi e le sue affermazioni professionali ma generoso, disponibile e pronto ad intervenire e collaborare sui progetti rotariani.

            Ricordo il Progetto “A 14” sviluppato dal 2001 al 2003 dai Club Marchigiani che ha visto Ignazio  al mio fianco, congiuntamente coinvolti, nell’impostazione generale del programma con particolare riguardo all’incontro /seminario svolto a Fermo nell’ottobre 2002.

            E che dire di quando ci ha raccontato della ricostruzione dell’Abbazia di Montecassino con le battaglie fra chi , come lui, voleva  ricostruire fedelmente e chi invece difendeva l’idea del totalmente nuovo, oppure della sua  “lezione” sugli sviluppi architettonici di Berlino propedeutica al bellissimo viaggio del Club dell’aprile 2003.

    Quello che resta in noi, dopo tanti anni di amicizia,stima e rispetto reciproco è la consapevolezza  di avere avuto a fianco, nel Rotary e nella vita, un grande uomo, professionista,  intimamente rotariano nei principi ispiratori dell’attività professionale e della vita.

            Ciao Ignazio: ti ricorderemo sempre come quando, tre anni fa in occasione del 50° del Club, emozionatissimo ricevesti il tuo meritato PHF  fra gli applausi dei numerosissimi presenti.

 Paolo Appoggetti

Allegati: 

 1) Foto di Ignazio Breccia Fratadocchi

Igrazio Breccia Fratadocchi

Igrazio Breccia Fratadocchi

2) Foto Chiesa di Dio Padre Misericordioso a Roma- Tor Tre Teste , progettata  da Richard Meyer

Breccia Fratadocchi Ignazio - Chiesa Tor tre teste 2 - Roma                     Breccia Fratadocchi Iggnzio - Chiesa Tor tre teste 1 - Roma

Share

I commenti sono disabilitati.