Categoria | Giuseppe Amici, RUBRICHE

2013.06.13 – “La casa degli inganni” di Giuseppe Amici

Pubblicato il 13 giugno 2013 da admin

 

All’alba i cedri immoti, 

 le grandi palme assorte,                                                                   

di là da quelle,   

di là da pini e lecci,                                                                                                                                   

dal resto della notte                                                      

il rosso del mattino                                                         

dilaga all’orizzonte 

e il blu del mare   

appena s’intravvede.                                                       .

 

Dalle persiane chiuse

la prima luce a lame

nel parco degli inganni

saetta piante e fiori,

uccelli, scimmie e cervi.    

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ l’ora del risveglio.

D’incanto tutto intorno

si desta al giorno nuovo.

D’ali il frusciar d’uccelli in volo,

le variopinte penne,    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il cinguettare allegro,

lo scalpitio di zoccoli veloci.

E’ gran gazzarra

di giochi, voli e suoni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poi, al gorgheggiar dell’usignuol la sera,

e’ tutto un rappugliarsi in fretta

e immota vita torna a decorar le mura

e ad ingannar la vista a chi l’ammira.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo spettator caduco

guarda stupito e invecchia. 

La cingallegra, il pappagallo e il cervo,      

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

d’eterna giovinezza incoronati, 

beffe di lui si fan, 

solo e mortale. 

 

Così, da sempre, 

nel tempo senza fine,

la casa degli inganni 

attende il giorno nuovo.  

     

I commenti sono disabilitati.