2013.04.24 – “Ricordi: il mezzo da sbarco” di Fabrizio Emiliani

Pubblicato il 24 aprile 2013 da admin

Fabrizio Emiliani

Il mezzo da sbarco

Un grosso “mezzo da sbarco” alleato giaceva semiaffondato a poca distanza dalla riva,  verso Nord oltre l’Ospizio Marino; tutto di ferro di quelli a fondo  piatto con la prua ribaltabile in avanti; ci attirava molto per fare il bagno e per le esplorazioni  subacquee ad occhi aperti nelle parti coperte interne sommerse e piene di mistero. Non avevano né maschere né occhialini.
Ci andavamo nel primo pomeriggio in bicicletta con le nostre  amiche per fare il bagno nella località sempre deserta.
Ci mettevano in costume  tra i tamerici e noi ragazzi ci  dilungavano a spiare tra il  fogliame, le due o tre ragazze che molto maliziosamente si  attardavano anch’esse ad  infilarsi i costumi interi.
Avevano tutti 13-14 anni e ci limitavano a guardare e sognare.
Poi tutti in acqua per bagni favolosi dentro il relitto sommerso.
Nessuno ha portato via o fatto a pezzi il grosso natante di ferro per cui penso che i resti siano ancora sepolti nel mare sotto la sabbia, a Nord dell’Ospizio Marino.
Fabrizio Emiliani

 

I commenti sono disabilitati.