2011.12.12 – Spunti di riflessione di Marzia Marchionni

Pubblicato il 12 dicembre 2011 da admin

Marzia Marchionni

Ciao Amico che stai leggendo! Dove vai? Fermati un attimo, se ti va. Come stai oggi? Non ti sto facendo la solita domanda convenevole. La sto pronunciando con un sapore diverso: chiediti veramanete come ti senti. Poi, però, ASCOLTA anche la risposta dentro di Te. Fermati, dunque, un  momento in silenzio. Altrimenti… come potresti ascoltare la risposta?
Allora… come stai oggi? Come stai in questo periodo? Mi permetterei anche… sei felice? Ascolta le risposte del tuo Corpo, della tua Mente, del tuo Cuore, della tua Anima. Nota se sono allineate.
Sei rilassato o in stato d’ansia? Ti piace e  interessa quel che fai?
Forse vorresti cambiare qualcosa??? E, allora, perchè non lo fai?
Altamente risonanti le parole di Gandhi: << Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo>>.
Inutile attribuire “colpe” a destra e a manca. Non possiamo essere responsabili della nostra vita, se non ci assumiamo la responsabilità delle nostre emozioni.
Siamo, ognuno, particella del Tutto, chiamati a collaborare nell’Unico Progetto Vita… che onore!
Il Rotary ne è una sorta di sottoinsieme: una area di applicazione e, nel contempo,  uno strumento, in cui ed attraverso cui possiamo prestare la nostra opera.
Come presente per un Natale colmo d’ Amore, sulla scia dell’Amore, Vi propongo la seguente poesia di Madre Teresa di Calcutta.
VENTIQUATTRO DOMANDE E VENTIQUATTRO RISPOSTE
Il giorno più bello? Oggi.

L’ostacolo più grande? La paura.

La cosa più facile? Sbagliarsi.

L’errore più grande? Rinunciare.

La radice di tutti i mali? L’egoismo.

La distrazione migliore? Il lavoro.

La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento.

I migliori professionisti? I bambini.

Il primo bisogno? Comunicare.

La felicità più grande? Essere utili agli altri.

Il mistero più grande? La morte.
Il difetto peggiore? Il malumore.

La persona più pericolosa? Quella che mente.

Il sentimento più brutto? Il rancore.

Il regalo più bello? Il perdono.

Quello indispensabile? La famiglia.

La rotta migliore? La via giusta.

La sensazione più piacevole? La pace interiore.

L’accoglienza migliore? Il sorriso.

La miglior medicina? L’ottimismo.

La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto.

La forza più grande? La fede.

Le persone più necessarie? I sacerdoti.

La cosa più bella del mondo? L’amore.
Madre Teresa di Calcutta.

I commenti sono disabilitati.