Categoria | In Rilievo, R.I.

2011.06.08 – Lettera di giugno di Carl-Wilhelm Stenhammar – Presidente degli Amministratori della Fondazione

Pubblicato il 08 giugno 2011 da admin

Carl-Wilhelm Stenhammar - Presidente degli Amministratori della Fondazione

Giugno 2011
Incontrarsi in persona aiuta a fare amicizia
L’affiatamento e l’amicizia sono pietre miliari del Rotary, due componenti essenziali dell’operato dei Rotariani. In qualsiasi riunione, si possono svolgere solo determinate attività in base al tempo a disposizione. Ma le occasioni non mancano, se teniamo conto di tutte le volte in cui si prende un caffè insieme, si pranza, si cena o si va a prendere un drink insieme al bar. Queste rappresentano opportunità che ci consentono di approfondire la nostra conoscenza con altre persone, e di vederle faccia a faccia, a differenza di qualsiasi numero di e-mail scambiate, o anche di qualsiasi numero di telefonate.
Lo spazio cibernetico consente lo scambio di comunicazioni rapide, di fare riunioni più frequenti e a costi inferiori. Ma questo ha davvero aiutato le relazioni personali? Ne dubito.
L’occasione suprema per sentirsi internazionalmente parte della nostra organizzazione è quella del Congresso del RI, e l’ultimo è stato quello di New Orleans. Incontrare Rotariani da tutto il mondo, per quasi una settimana, è un’occasione indimenticabile. Godersi le sessioni plenarie, partecipare alle sessioni di discussione, mangiare insieme a nuovi o vecchi amici, questi sono i punti salienti del congresso, ed anche di vedere tutti i vestiti tradizionali indossati da tanti Rotariani, in particolare dall’Asia, dall’Africa e dal Sud-America. Mi auguro che non si avveri mai lo svolgimento del Congresso del Rotary International nello spazio cibernetico!
Con tutto il rispetto per lo spazio cibernetico, ritengo che le riunioni faccia a faccia siano di altissimo valore. La possibilità di una stretta di mano o di un abbraccio non potrà mai essere sostituita. Se dovesse esserci un congresso nello spazio cibernetico, l’affiatamento e l’amicizia si perderebbero, e questi sono importantissimi per realizzare il motto Impegniamoci nelle comunità, uniamo i continenti attraverso il Servire al di sopra di ogni interesse personale. 
Carl-Wilhelm Stenhammar
Presidente degli Amministratori della Fondazione

I commenti sono disabilitati.