Categoria | New

2011.05.02 – Delegazione FAI di Fermo – Gita nel viterbese il 14/15 maggio

Pubblicato il 02 maggio 2011 da admin

Fermo, 1 maggio 2011
Cari amici ed amiche,
vi comunico i dettagli riguardanti: la gita del 14/15 maggio nel viterbese, il torneo di golf e burraco domenica 8 maggio a Massignano e le due speciali agevolazioni in esclusiva per i soci FAI.
14/15 maggio, visita nel viterbese
Visiteremo: il cinquecentesco Palazzo Farnese, opera del Vignola; il castello Ruspoli a Vignanello, che custodisce il primo giardino all’italiana; Villa Lante della Rovere e il suo scenografico giardino all’italiana e il Santuario della Madonna della Quercia (segue breve descrizione).
La partenza è prevista da Fermo piazza Dante alle 8:00, con sosta a Porto San Giorgio (Teatro) alle 8:05.
Nella prenotazione vi preghiamo di specificare il punto di partenza.
Il contributo FAI  di € 200 comprende viaggio, guide (tutte le visite sono guidate), ingressi, pernottamento (Hotel Best Western **** a Viterbo) , un pranzo e una cena in un ristorante. Vi chiediamo cortesemente di prenotare entro il 10 maggio.
Sabato:
– 8:00 partenza Fermo piazza Dante
– 8:05 sosta Porto San Giorgio Teatro
– Pranzo libero
– Palazzo Farnese, Caprarola
– Castello Ruspoli, Vignanello
– Cena ristorante a Viterbo
Domenica:
– 9:00 Santuario della Madonna della Quercia
– Villa Lante, Bagnaia
– Pranzo ristorante
– Visita libera a Viterbo
– 17 (circa) partenza
– 21 (circa) rientro

8 maggio, torneo di golf e burraco
La Delegazione FAI di Ascoli ha organizzato il secondo Torneo della FAI GOLF CUP. L’evento si svolgerà al mattino presso il Golf Club  “I Lauri” a Massignano,6 Km all’interno dalla Strada Adriatica (bivio per Massignano). Per le prenotazioni rivolgersi direttamente alla Segreteria del Club, telefono 0735 72519.
Alle ore 13 al Club House si potrà pranzare e partecipare sia a partite libere che al torneo di burraco. I contributi previsti sono: pranzo €10, pranzo più iscrizione al torneo €25.
Per iscriversi telefonare ore pasti alla Sig.ra Antonella Dionisi tel. 0734 229482 o  alla Sig.ra Marilù Jommi tel. 0734 228888.

Due speciali agevolazioni

Allo Sferisterio (Macerata) abbiamo uno sconto del 20% sulla Stagione Lirica. L’unica condizione è che la prenotazione avvenga entro il 30 maggio nei Punti FAI (per ulteriori informazioni delegazionefai.fermo@fondoambiente.it o presso i Punti FAI). Il prezzo, in funzione del posto scelto, varia da 150 a 20 € più il 10% di diritti per la prevendita. Per il dettaglio dei prezzi e delle opere www.sferisterio.it.
Alla Libreria Incontri a Fermo (Corso Cefalonia 65) esibendo la tessera FAI si ha diritto a uno sconto del 10%. Questa si aggiunge alle altre convenzioni locali (Teatro dell’Aquila, Pinacoteca Civica di Fermo, Cinema Sala degli Artisti).
Per chiarimenti e specifiche riceverete ulteriori informazioni via mail, allo stesso indirizzo ( delegazionefai.fermo@fondoambiente.it) potete fare riferimento per le vostre domande e proposte.

Le gite sono riservate agli aderenti FAI in regola per l’anno 2011.
Per informazioni dettagli, costi e adesioni potete rivolgervi ai soliti punti FAI.
L’organizzazione tecnica dei viaggi è affidata all’agenzia Vela Azzurra di Porto San Giorgio.
Aspettandovi numerosi  saluto tutti cordialmente
Patrizia Marini Cirilli

Delegazione di Fermo
Capo delegazione Prof. Patrizia Marini Cirilli
Via IV novembre, 94 Porto San Giorgio 0734676415
·Fermo, “Farmacia Cisbani” in piazzetta (referente Laura Lepri)
·Porto San Giorgio, negozio di abbigliamento “Di Stefano” via G. Bruno 119
·Porto Sant’Elpidio,  ”Ottica Viozzi” via Gramsci 8
·Sant’Elpidio a Mare, “Farmacia Lattanzi” viale Roma 23
·Grottazzolina, UTETE piazza Umberto I

Villa Lante della Rovere, Bagnaia:
La costruzione cominciò nel 1511, ma fu portata a termine intorno al 1566 su commissione del cardinale Gianfrancesco Gambara. Il progetto è attribuita a Jacopo Barozzi da Vignola.
Ospita uno dei più famosi giardini italiani.

Palazzo Farnese, Caprarola:
I lavori di costruzione iniziarono nel 1559 su disegno di Jacopo Barozzi detto il Vignola,  e diedero vita ad un’opera ancor più grande e fastosa del Palazzo Farnese di Roma.
Vi lavorarono i pittori più importanti (Taddeo e Federico Zuccari), gli architetti più illustri, il meglio del meglio che a quei tempi si potesse avere nello studio di una grande pianificazione urbanistica che vide, appunto, non solo la realizzazione del Palazzo ma anche la ricostruzione del nucleo urbano che rigorosamente doveva essere adattato alla mole ed al pregio del Palazzo.
Oggi possiamo così apprezzare la complessa struttura architettonica, i mirabili affreschi persi tra le false immagini di porte, finestre, tende, marmi e statue, in un susseguirsi di giochi visivi che mirano a confondere il visitatore.
Alla villa sono annessi gli “Orti farnesiani”, uno splendido esempio di giardino tardo-rinascimentale, realizzato attraverso un sistema di terrazzamenti alle spalle della villa, arroccati sul colle dal quale s’erge la costruzione e collegati dal Vignola con la residenza attraverso dei ponti.

Il Santuario della Madonna delle Quercia, Viterbo
Armoniosa costruzione rinascimentale progettata da Giuliano da Sangallo, eretta tra il 1470 e il 1525, nel luogo dove nel 1414 fu vista la Madonna su un albero di quercia. Nelle lunette dei tre portali si trovano preziose terrecotte di Andrea della Robbia. Interno solenne a tre navate, soffitto a lacunari dorato su disegno del Sangallo, grandioso organo del ‘600, quadri dal ‘500 al ‘600, affreschi e tavole, presepio con manichini lucchese del ‘500.
Nel presbiterio, un tempietto marmoreo affrescato custodisce la quercia e la miracolosa immagine della Madonna col Bambino del ‘400, dipinta su tegola. Notevole anche il chiostro a doppio ordine di forme gotico-rinascimentali.

Castello Ruspoli, Vignanello:
La primitiva rocca di Vignanello fu edificata, secondo la tradizione, dai monaci benedettini che governarono il feudo dalla metà del IX secolo all’inizio dell’XI.
La forma attuale del castello è dovuta alla ricostruzione, forse su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane, avvenuta tra il 1531 e il 1538 .
La rocca medievale si trasformò così nel maestoso castello in pietra grigia che oggi vediamo.
La sua imponente mole, circondata da un profondo fossato, serrata da quattro bastioni angolari e coronata dalla merlatura ghibellina, domina il panorama del borgo contrapponendosi al volume solenne della chiesa di santa Maria della Presentazione.

Giardino storico
Nel 1611 Ottavia Orsini, figlia di Giulia Farnese, decise di realizzare un giardino sulla dorsale del promontorio ad est del palazzo, articolato in varie parti: il Giardino di verdura, il Giardinetto segreto, posto ad un livello più basso, il Barchetto e il Barco posti sul lato sud del palazzo e usati per le battute di caccia.

I commenti sono disabilitati.