Categoria | In Rilievo, R.I.

2011.04.01 – Lettera di Aprile di Ray Klinginsmith – Presidente del Rotary International

Pubblicato il 01 aprile 2011 da admin

 

Ray Klinginsmith - Presidente Rotary International anno 2010-2011

Qualcosa di vecchio e qualcosa di nuovo

Come molti Rotariani sapranno già, per diversi decenni, il Rotary ha avuto quattro Vie d’Azione: l’Azione interna, l’Azione professionale, l’Azione d’interesse pubblico e l’Azione internazionale. Ma, al Consiglio di Legislazione del 2010, è successo qualcosa di insolito! L’emendamento proposto per aggiungere una quinta Via d’Azione è stato finalmente approvato dal Consiglio dopo essere stato respinto nei Consigli precedenti.
La nuova Via d’azione si chiama Azione Nuove generazioni e vi è una certa confusione e preoccupazione sull’impatto di questo cambiamento. Il proponente dell’emendamento non ha depositato l’apposita dichiarazione richiesta e, pertanto, non abbiamo una dichiarazione scritta sulle ragioni del proponente. Tuttavia, a me sembra che lo scopo e l’eftetto sia quello di dare più attenzione ai programmi del Rotary per i giovani e per i giovani adulti.
I programmi rotariani, come Interact, RYLA, Rotaract e Scambio giovani, sono alcuni dei migliori al mondo per i giovani. I programmi, però, sono stati suddivisi tra Azione d’interesse pubblico e Azione internazionale a livello di club e distretto, che ha reso più difficile il loro coordinamento. Il passaggio a cinque Vie d’Azione comporterà la presenza di un singolo direttore o coordinatore per ogni club e distretto per supervisionare e promuovere i programmi giovanili del Rotary.
Il nostro lavoro con ragazzi e giovani adulti ha due benefici salutari. Primo, l’influenza favorevole sui partecipanti esponendoli ai valori fondamentali del Rotary, amicizia, servizio, integrità, diversità e leadership. Secondo, la memoria positiva del Rotary che spesso causa ai partecipanti di entrare nei Rotary club più avanti nella loro vita. Dobbiamo fare un lavoro migliore per reclutare i partecipanti nell’effettivo del Rotary, e stiamo lavorando allo sviluppo di piani per registrare i nomi e le e-mail dei partecipanti per rimanere in contatto con loro quando lasciano i programmi per ragazzi e giovani adulti.
In realtà, il Consiglio di Legislazione del 2010 non ha creato nuovi programmi, piuttosto, l’aggiunta della quinta Via d’Azione faciliterà il nostro impegno per rendere i programmi giovanili più grandi, migliori e più incisivi in futuro, e a reclutare anche altri partecipanti nell’effettivo del Rotary, esempio perfetto di una situazione che, comunque la si guardi, risulta vincente!  
Ray Klinginsmith
Presidente RI

I commenti sono disabilitati.