Categoria | R.I.

2009.11.27 – Messaggio di dicembre di John Kenny Presidente del Rotary International

Pubblicato il 27 novembre 2009 da admin

John Kenny Presidente Rotary International anno 2009-2010

John Kenny Presidente Rotary International anno 2009-2010

Cari amici Rotariani, l’idea della famiglia Rotary è molto semplice e viene celebrata ogni anno a dicembre, il Mese della famiglia. Ogni Rotariano fa parte della famiglia del Rotary, ma la nostra è una famiglia molto più grande di quella composta da 1,2 milioni di soci. La famiglia del Rotary include ognuno degli uomini, delle donne e dei bambini che sono coinvolti nel nostro lavoro: i coniugi e i figli dei soci, i partecipanti e gli alumni dei programmi della nostra Fondazione e tutti coloro che hanno preso parte ai nostri programmi, in migliaia di comunità rotariane in tutto il mondo. La generazione più giovane della famiglia Rotary è composta dai club Interact e Rotaract, dai partecipanti al programma RYLA, dai Borsisti degli Ambasciatori e da oltre 8.000 studenti dello Scambio giovani che ne fanno parte ogni anno. Come in tutte le famiglie, i nostri giovani rappresentano la nostra promessa per il futuro. Naturalmente, uno dei miei più grandi desideri è che questi giovani diventino futuri Rotariani. Comunque, il Rotary fa parte della loro vita anche oggi, e loro fanno parte della nostra famiglia. Io e mia moglie siamo sposati da quarant’anni, e sono Rotariano da quasi lo stesso numero di anni. Anche se a quel tempo le donne non erano ammesse ai Rotary club, June si è sempre sentita di far parte del mio club dal primo giorno nel Rotary club di Grangemouth. Non c’è dubbio che la mia partecipazione al Rotary abbia richiesto molto a entrambi, ma non dubito neanche del fatto che entrambi abbiamo raccolto molto più di quello che abbiamo seminato. Sono convinto che partecipare nel Rotary club possa e debba migliorare la qualità della nostra vita privata e le interazioni con i nostri familiari. Mentre lavoriamo per attrarre soci giovani e qualificati, ricordiamoci anche che i professionisti di oggi devono bilanciare il lavoro e gli obblighi familiari. L’impegno del servizio nel Rotary dovrebbe complementare tali obblighi e non competere con essi.. Programmare le riunioni in ore non lavorative, pianificare attività che includono i familiari dei soci e accogliere le famiglie quando possibile permetterà ad ogni famiglia del Rotary di sentirsi parte della grande famiglia rotariana.
Ogni club dovrebbe cercare di bilanciare l’interazione tra Rotariani e le loro famiglie, e con la famiglia Rotary. Solo lavorando insieme, come una vera e propria famiglia, possiamo assicurare al Rotary di oggi di crescere e diventare il Rotary più forte di domani.
John Kenny
Presidente, Rotary International

I commenti sono disabilitati.