Lettera di febbraio 2009 del Governatore Giorgio Splendiani

Pubblicato il 01 febbraio 2009 da admin

Governatore anno 2008-2009

Governatore anno 2008-2009

Cari Amici, vi sono molto grato per i gioiosi incontri e le festose accoglienze che avete riservato a mia moglie e a me, in occasione della visita ai Club. Particolarmente significativa è stata l’assegnazione, da parte del Club di Orvieto, del Paul Harris Fellow a Maria Sofia come riconoscimento alle coniugi dei rotariani per la collaborazione che silenziosamente, ma spesso con grande sacrificio consumato nell’ombra, offrono ai mariti nel servizio al Rotary. Le mogli dei governatori dei Distretti Italiani, rinunciando volentieri ai doni e ai fiori, hanno iniziato nell’anno passato la raccolta di fondi per attività di microcredito. L’iniziativa è proseguita con notevole successo anche per il fatto, che in occasione delle manifestazioni distrettuali, i coniugi si sono sempre riuniti per parlare del Progetto microcredito e partecipare così in maniera concreta alle attività del Rotary. La partecipazione delle famiglie, infatti, è un contributo determinante per la concretizzazione dell’AMICIZIA e del SERVIZIO. Sono certo che il Natale è stato una magnifica occasione di festa familiare e di rafforzamento dei legami di affetto tra rotariani. Terminato il bel periodo delle vacanze invernali è ripresa la normale vita lavorativa, familiare e l’attività dei Club. I presidenti e i consiglieri eletti sono già al lavoro di preparazione e programmazione; è necessaria una stretta collaborazione tra chi è in carica e chi si sta preparando per il nuovo servizio. Il 15 marzo a Perugia si terrà il SIPE, momento fondamentale per la preparazione del nuovo anno rotariano; subito dopo sarà utile una riunione congiunta dei Consigli direttivi in carica con quelli eletti per la valutazione dei progetti in corso e quelli da realizzare. Il 9 e 10 maggio a Pescara l’Assemblea distrettuale completerà la formazione dei nuovi dirigenti e indicherà le linee programmatiche del nuovo anno rotariano. Il secondo semestre di questo anno rotariano sarà pieno di impegni. Oltre ai programmi dei Club sono previste attività internazionali, nazionali e distrettuali. Ogni Club, a completamento del programma  PolioPlus iniziato ormai da anni, deve impegnarsi nella raccolta di fondi (mille euro in tre anni) per completare l’eradicazione della poliomielite dal mondo. Per far conoscere a tutti questo ambizioso programma, il 23 febbraio, a Roma, ci sarà una grande manifestazione rotariana con la proiezione sul Colosseo del logo del Rotary. Speriamo che l’evento abbia la più ampia risonanza. Sempre allo scopo di raccogliere fondi per questo importantissimo progetto, il 5 marzo ci sarà un’altra edizione della serata Rotary al cinema. Presso sale cinematografiche convenzionate, di cui sarà diffuso l’elenco, sarà proiettato il film del regista Costa Gavras dal titolo Eden is West. Sarà una buona occasione per ritrovarsi con rotariani e amici e far conoscere quello che il Rotary realizza in campo internazionale. ENFASI, progetto finanziato da nove Distretti Italiani, è riservato solo a giovani ricercatori e ha come fine lo studio e l’espansione di energie a basso costo da impiegare nei Paesi in via di sviluppo. Il bando del Concorso scade il 31 marzo e tutti i Club sono impegnati nel diffonderne e pubblicizzarne la partecipazione; www.rotaryenfasi2009.it è il sito web da visitare (raggiungibile anche dal link sul sito distrettuale www.rotary2090.info) per avere tutte le informazioni su questa iniziativa che dimostra come il Rotary si interessi di tutti i problemi emergenti del nostro tempo. Il progetto si concluderà il 30 maggio a Roma, presso l’Istituto Nazionale delle Ricerche. Il nostro Distretto ha posto in primo piano il problema degli Anziani. Oltre alle numerose attività prese dai Club, iniziativa comune dovrà essere quella di fornire la nostra competenza professionale a Enti o Associazioni che si occupano della terza età. Le linee guida saranno indicate in uno schema di convenzione, attualmente in fase di elaborazione. L’attività professionale esercitata nella maniera più nobile, quale mezzo per servire la collettività, fa parte dello scopo del Rotary e l’utilizzo a favore di categorie deboli e bisognose è lo scopo del nostro servizio. Allegato al giornale troverete l’opuscolo Occhio e luce che dà consigli sul modo di difendersi dall’inquinamento luminoso, fa parte di un progetto realizzato dal Rotary e dai Lions per prevenire i danni dall’esposizione alla luce e perciò va diffuso. L’anno rotariano in corso si concluderà con due eventi: – dal 21 al 24 giugno incontreremo i rotariani di tutto il mondo alla Convention di Birmingham; – il 27 e 28 giugno, infine, festeggeremo con il Congresso distrettuale dell’Aquila la chiusura dell’anno rotariano: sarà il momento di sintesi in cui verrà messo in risalto quanto realizzato e dato il giusto riconoscimento ai Club e ai soci che si sono distinti per le attività di servizio. Questo nutrito calendario non deve spaventare ma incoraggiarci a realizzare quanto programmato con l’orgoglio di appartenere a una grande Associazione di servizio che realizza progetti nel mondo e nelle nostre comunità. Febbraio è il mese dell’intesa mondiale; la realizzazione di progetti nei Paesi in via di sviluppo e la grande manifestazione romana del 23 febbraio daranno un segno dell’esistenza di uomini di buona volontà che con la loro opera dimostrano la possibilità di convivenza e solidarietà. Non dimentichiamo mai che lo scopo finale del nostro servizio è di creare un mondo migliore, un’intesa tra i popoli e una pace durevole. Impegniamoci tutti e avremo la soddisfazione di avere completato progetti che potevano sembrare irrealizzabili. Buon lavoro
Giorgio

I commenti sono disabilitati.