Categoria | Comunicazioni

La Provincia di Fermo come Sistema

Pubblicato il 19 febbraio 2006 da admin

 

Presidente anno 2005 - 2006

Presidente anno 2005 - 2006

La Provincia di Fermo come Sistema

Si è svolto a Fermo, venerdì 20 gennaio, il Convegno avente per tema La  rovincia di Fermo come Sistema, organizzato dal Rotary Club di Fermo, in collaborazione con i Club Alto Fermano-Sibillini, Montegranaro e Porto San Giorgio-Riviera Fermana, tutti facenti parte del territorio della nuova Provincia di Fermo.
Dopo i saluti dei Presidenti dei Club di Fermo, Tommaso Fattenotte; Alto ermano-Sibillini, Silvano Virgili; Porto San Giorgio-Riviera Fermana, Marcello Pizzuti e del Presidente incoming di Montegranaro Evelina Ramadori, il Governatore Antonio Guarino ha portato i saluti suoi e di tutto il Distretto 2090 con l’apprezzamento per l’iniziativa che ha visto ben quattro Club Rotary operare insieme in un’importante Azione di Interesse Pubblico, qualificata molto positivamente dalla numerosa presenza di intervenuti.
Tommaso Fattenotte ha parlato su Inquadramento storico della Provincia di Fermo: Dalla Marca Fermana alla Provincia di Ascoli Piceno, illustrando la storia di Fermo e del territorio fermano dal 770, anno della fondazione del Ducato Fermano, fino alla promulgazione della legge n° 147/2004 che ha istituito la Provincia di Fermo. Il relatore ha evidenziato che la documentazione cartografica presentata farà parte di una pubblicazione storica sull’evoluzione del territorio amministrato da Fermo, prevista dal Club di Fermo per il corrente anno rotariano.
Il PDG Vincenzo Montalbano Caracci ha parlato del tema Il Sistema nelle Attività dell’Uomo visto dal Rotary International, illustrando tre diversi esempi di Sistema personalmente vissuti: quelli di Ivrea, Fabriano e Terni. Il relatore ha rappresentato i tre casi come erano, le loro evoluzioni e traversie, la realtà attuale, il motore e le aspettative di sviluppo per ciascuno.
Il PDG Mario Giannola ha illustrato la positiva esperienza de Le Terre del Duca, modello di sistema realizzato dai Rotary Club nelle zone del Montefeltro, le opportunità e le sinergie messe in atto dai Club Rotary e i Comuni interessati, sia nelle Marche che in Umbria. Questa notevole iniziativa costituisce tutt’oggi il cardine dello sviluppo ambientale, turistico-culturale, agroalimentare e terziario del Montefeltro e vede la partecipazione permanente del Rotary, con i Club di Pesaro, Urbino, Senigallia, Gubbio e Novafeltria.
Il PDG Alberto Breccia Fratadocchi è entrato direttamente sul tema con la sua relazione La Provincia come Sistema: linee guida per una valorizzazione diversa e nuova del territorio, tracciando le linee guida, indicando i settori prioritari di intervento, fornendo anche agli intervenuti un documento costituente una prima proposta operativa come base di discussione e ragionamento.
Alle relazioni sono seguiti numerosi interventi da parte di alcuni dei presenti: parlamentari, sindaci, amministratori comunali e provinciali, rappresentanti della Scuola, della Sanità e delle banche, nonché una larga e interessata rappresentanza di soci dei quattro Club.
Dopo un ampio e approfondito dibattito dove gli intervenuti, tutti approvando l’iniziativa, hanno indicato possibili sviluppi futuri, Paolo Appoggetti, Assistente del Governatore, ha tracciato alcuni approfondimenti, evidenziando che il Rotary ha la consapevolezza di poter mettere a disposizione del Territorio del Fermano quelle esperienze e conoscenze che possono generare una positiva differenza, migliorativa, alla costituzione della nuova Provincia negli organismi previsti e in quelli integrativi proposti; ha proseguito formulando l’augurio che vengano avviati gruppi di lavoro allargati in cui siano presenti, oltre agli attori istituzionali, anche professionisti esterni, per la cui costituzione il Rotary potrà mettere a disposizione i propri soci professionisti, sia a livello locale che distrettuale, per fornire un contributo operativo all’attività sistemica proposta. Appoggetti ha infine concluso dicendo che “l’obiettivo comune è che la nuova Provincia di Fermo non nasca solo come Ente modello per snellezza ed efficienza, ma anche come Ente propulsore dello sviluppo in tutti i campi per il Territorio del Fermano: è quello che il Rotary propone ed è quello che, credo, tutti i responsabili intervenuti desiderano e per questo li ringrazio augurando a tutti un buon lavoro futuro.”

Tommaso

I commenti sono disabilitati.